Week End al C.I.Q.

28 - 29 - 30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE | CIQ - CASCINA CASOTTELLO

 

EVENTI AL C.I.Q

DA GIOVEDì 28 A DOMENICA 01 DICEMBRE

  

APERICENA E PIZZA - tutti i venerdì, sabato e domenica
Ogni venerdì, sabato e domenica, salvo cene a tema programmate, vi aspettiamo per iniziare la serata insieme gustando il deliziosissimo apericena del nostro chef oltrechè un'ottima pizza preparata con il forno della cascina...il tutto accompagnato da birra e altre bevande del nostro bar.
Non è necessaria la prenotazione.
Pizza a 6 euro, apericena a 10 euro, bevande escluse, a partire dalle 19.30.


Giovedì 28

FERRUCCIO OSIMO: INCONTRO CON JANNACCI E BRASSENS

Serata con musiche d'autore. Ferruccio Osimo, con voce e chitarra, ci condurrà in un incontro musicale con Enzo Jannacci e Georges Brassens: Il concerto propone una selezione di canzoni di due grandi cantanti e poeti, che hanno saputo far vivere e risuonare la loro epoca e la loro cultura. Storie davvero milanesi e davvero francesi…


Apericena alle 19.30 a 10 euro
Concerto alle 21 a 7 euro
Apericena + concerto: 15 euro


Venerdì 29

THE CLOUDERS IN CONCERTO
Rappresentati da due splendide voci, una chitarra, un ukulele e un ukulele basso.
Nessun artificio, nessun effetto, se non il puro suono acustico, in tutta la sua spontanea naturalezza.
Questo sono i Clouders, una band che propone un repertorio non inquadrabile in un unico genere (si spazia dal folk al pop moderno, dal jazz alla musica anni '50 e '60, dal soul fino ai grandi classici di Walt Disney) e per cui non esistono nemmeno confini geografici: brani noti e meno noti saranno presentati in italiano, inglese, francese, spagnolo, in dialetto milanese, napoletano e siciliano, tutti riarrangiati in chiave acustica, moderna e originale, per offrire uno spettacolo sempre fresco e coinvolgente.

Ingresso a offerta libera a partire da 5 euro


Sabato 30

NOTTE DEI GRIOT

La settima edizione della “Notte dei griot” intende essere un viaggio all'interno dell'Africa e delle sue tradizioni ed uno spunto di riflessione sui cambiamenti climatici ed i processi migratori.
Verrete presi per mano e accompagnati all'interno di villaggi dove incontrerete i nostri Griot, familiarizzerete con i cibi della tradizione africana, conoscerete meglio questa importante figura della tradizione ed il suo fondamentale ruolo all'interno della società africana di un tempo e attuale, vivrete una giornata immersi in un tempo sospeso tra passato e presente!

PROGRAMMA

ore 16.00-18.00 - C'ERA UNA VOLTA LA DANZA (sala concerti)
Stage di danza afro tradizionale a cura del maestro Saneo Mbaye, con il coordinamento musicale di Papa Camara e l'accompagnamento dei musicisti del gruppo Les Amis d'Afrique.

ore 16.00-18.00 - C'ERA UNA VOLTA IL RITMO(sala mostre)
laboratorio a cura di Stephane Ngono
Tanto tempo fa, ai tempi delle grandi piogge e dei grandi raccolti, gli abitanti dei villaggi oltre il fiume, vivevano nella ricchezza, nell'abbondanza e nello spreco, senza più rispettare l'equilibrio del nostro ecosistema. Gli dei si arrabbiarono moltissimo, decidendo di togliere a tutti gli abitanti del villaggio il loro ritmo interiore. Avrebbero potuto riacquistarlo solo attraverso un percorso particolare, fatto di ascolto, pazienza e condivisione, elaborato dal messaggero, il capo Ewondo.
Gli abitanti riusciranno a riavere il loro amato ritmo o ne saranno per sempre privati? Lo scopriremo dopo una grande prova.

ore 18.40 - BENVENUTI NEL NOSTRO VILLAGGIO
a cura di Modou Gueye
Dopo un lungo viaggio, eccoci arrivati! Il capo villaggio, la persona più saggia, ci accoglierà come solo in Africa riescono a fare. Modou ci farà scoprire il significato della teranga senegalese, una parola dal suono dolce che dà l'idea dell'importanza degli ospiti nella tradizione senegalese. Non ci resterà che seguirlo!

ore 19.30 - UNA CENA IN COMPAGNIA!
cena africana con menu guineano, il cibo come occasione di socializzazione e conoscenza, di scoperta dei sapori e degli odori della tradizione culinaria guineana.

ore 21.00 - IL GRIOT
Il ruolo del griot nel passato e nella società attuale, a cura di Stephane Ngono

ore 21.15 - NELLA PIAZZA DEL VILLAGGIO
Un raduno di tutti i presenti per assistere e partecipare attivamente alla Grande Prova, i piccini riconquisteranno il loro ritmo e poi saremo tutti liberi di danzare e festeggiare questa grande vittoria(restituzione del laboratorio per bambini e stage di danza con animazione per il pubblico)

ore 22.00 - NABY ECO CAMARA & I LES AMIS D'AFRIQUE IN CONCERTO
Gruppo panafricano fondato da Naby Eco Camara, che dal 1999 si pone l'obiettivo di promuovere l'integrazione culturale attraverso la contaminazione di diversi generi ed influenze.

A seguire Jam session con ospiti

Dalle 24.00 dj set

Info e prenotazioni:
lanottedeigriot@gmail.com
3405039014 (whatsapp)

Costi:
Cena con ingresso: 15 euro
Ingresso e consumazione: 10 euro
bambini: 5 euro (solo per la cena)
Laboratorio per bambini 8 euro ( ulteriori fratelli 5 euro)
Stage di danza 35 euro
Stage di danza e cena: 45 euro con prenotazione prima dell’evento


Domenica 1 dicembre

LABORATORIO DI PERCUSSIONI AFRO-BRASILIANE PER FAMIGLIE - dalle 16 alle 17
Come ogni prima e ultima domenica del mese ecco l'appuntamento con TOC TOC, il laboratorio di percussioni afro-brasiliane condotto da Kal Dos Santos e Silvia Martinoli e rivolti a bambini (a partire da 7 anni, accompagnati) e a adulti.
Info e prenotazioni 380.3197569; 391.7792770

LABORATORIO ARTISTICO AAA ATELIER ARTISTICO APERTO - dalle 16 alle 17.30
Ecco i prossimi due appuntamenti del ciclo di laboratori del Progetto Cultura Città Mondo promosso dal Comune di Milano e dal Gruppo TRA, con il sostegno di Via Farini, Circuiti Dinamici e Sunugal. 
A chi non piacciono gli animali? In questo laboratorio potremo creare i nostri animali preferiti e la loro casetta con due tecniche moltoooo speciali. Con il frottage e il grattage andremo letteralmente a sfregare e grattare… a regola d’arte!


I laboratori sono gratuiti, per partecipare è sufficiente inviare una email a info.gruppotra@gmail.com oppure un sms al 3497014191-3409457916 con nome e cognome del partecipante ed età. I workshop sono adatti a diverse fasce di età.
In caso di mancata prenotazione non si garantisce la disponibilità!

 

HALABJA STORIES: INAUGURAZIONE MOSTRA FOTOGRAFICA COM PERFORMANCE TEATRALE

𝐇𝐚𝐥𝐚𝐛𝐣𝐚 𝐒𝐭𝐨𝐫𝐢𝐞𝐬 è il racconto fotografico dell'eccidio del 16 marzo 1988, quando l'esercito iracheno decise di punire gli abitanti del piccolo villaggio curdo al confine con l’Iran con un attacco chimico.
Fu una strage senza precedenti: 5000 morti, quasi tutti civili, tantissimi bambini. La mostra ripercorre questo passaggio fondamentale della storia curda, attraverso foto inedite e pannelli esplicativi.
Il percorso espositivo mostrerà i diversi momenti di quel terribile giorno: la calma prima dei bombardamenti, l'attacco, i morti e i feriti.

L'inaugurazione sarà arricchita dalla 𝐩𝐞𝐫𝐟𝐨𝐫𝐦𝐚𝐧𝐜𝐞 𝐓𝐞𝐚𝐭𝐫𝐚𝐥𝐞 "𝐎𝐧𝐝𝐞 𝐭𝐫𝐚 𝐠𝐥𝐢 𝐬𝐜𝐨𝐠𝐥𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐯𝐢𝐭𝐚", ispirata alla Mostra Halabja Stories, da parte dell'Associazione Art. Cult. S.D. Il Cortile, Rho.

Il numero massimo di partecipanti per singolo spettacolo sarà di 14 persone. E' richiesta la prenotazione, che può essere fatta scrivendo ad Halabja.stories@gmail.com.

L'ingresso sarà ad offerta libera che verrà devoluta all'associazione NWE ORG halabja, per sostenere le loro attività a beneficio delle donne rifugiate e per l'ambiente.

PROGRAMMA:
16.30 - Discorso inaugurale: presentazione della mostra e del progetto
17.00 - Performance teatrale (I) - "Onde tra gli scogli della vita"
18:00 - Presentazione della mostra e del progetto
18.30 - Performance teatrale (II) - "Onde tra gli scogli della vita"
19.30 - Presentazione della mostra e del progetto
20.00 - Performance teatrale (III) - "Onde tra gli scogli della vita"

 

INDOVINATE CHI (PRE)VIENE A CENA

Siete tutti invitati a una domenica sera gustosa e conviviale, all'insegna del mangiar bene e del Cambiamento degli Stili di Vita:

- ore 18.00 presentazione del libro “Indovina chi (pre)viene a cena?” a cura dell'autrice Miriam Bertuzzi, psiconcologa e cuoca per passione, in dialogo con l'editore di Altreconomia Massimo Acanfora.
https://altreconomia.it/prodotto/indovina-chi-previene-a-cena/

- ore 19.30 apericena a buffet con assaggi delle ricette del libro (piatti vegetariani, ingredienti stagionali)
Costo: 10 euro bevande escluse

Prenotazione obbligatoria, scrivere a:
organizzazione.sunugal@gmail.com
Indicare NOME, eventuali intolleranze o necessità alimentari

"La prevenzione dei tumori passa anche attraverso il cibo e la convivialità.
Questo libro “ci invita ad invitare a cena” e ci racconta come la scelta del cibo e l’arte di portare a tavola una sana convivialità possa cambiare il nostro stile di vita e aiutarci a mantenerci sani e vitali. Non solo, partendo dall’esperienza delle autrici, ci fornisce tutti gli elementi – dagli invitati alle ricette, dalla spesa al posto prescelto – per organizzare una cena perfetta e salutare.
La psiconcologa Miriam Bertuzzi sa bene quanto sia difficile per le persone cambiare le proprie abitudini alimentari e fare “prevenzione primaria”. Mescolando scienza e leggerezza, medicina e cucina, ci propone di cambiare i nostri stili di vita, sperimentando in prima persona ingredienti biologici e di stagione, ricette sane, relazioni autentiche, convivialità, passione per i buoni sapori e rispetto del proprio corpo...."

 

LABORATORIO DI BALLO SUL TAMBURO E CONCERTO DI MUSICHE POPOLARI D’ITALIA

Tutti invitati alle 21 al concerto de LO STIVALE CHE ‘SONA, che vi allieterà con musiche da ascolto e da ballo della tradizione popolare di tutta Italia.

Prima del concerto, l'associazione LO STIVALE CHE BALLA terrà un laboratorio tenuto da MICHELE CAVENAGO sulle BASI DI BALLO SUL TAMBURO CAMPANO (stile agro nocerino)
ore: 15.30-19.00
contributo: di 15 euro
Iscrizione a: lostivalecheballa@gmail.com - tel 3287583237

IL BALLO SUL TAMBURO (ball 'ngopp 'o tamburo) è lo stile di ballo antico presente in area campana, oggi più conosciuto in area urbana come "tammurriata". Solitamente eseguito da una coppia (uno donna, uomo uomo, donna donna), prevede una gestualità molto ricca delle braccia. Le mani suonano le castagnette, mentre il ritmo è cadenzato dal suono profondo della tammorra, un tamburo a cornice con i sonagli di latta. E' un ballo ancora vivo, tanto in contesto rituale quanto festivo, soprattutto in devozione alla Madonna. Le tre ore e mezza di incontro prevedono una acquisizione della gestualità di base del ballo e della sua struttura.

LO STIVALE CHE SONA nasce da una grande passione per le musiche e le danze popolari italiane.
Il gruppo è costituito da un nucleo di 4 elementi (organetto, viola, violino e chitarra) più altri suonatori che si aggregano di volta in volta in base al progetto. Formazione ed esperienze musicali anche molto diverse (dal classico, al jazz, al popolare unita alla ricerca per le danze antiche nei loro territori), si incontrano per riproporre i colori e le atmosfere di un’Italia che pare lontanissima, ma di cui, a essere ben accorti, esistono ancora tracce. Tarantelle, manfrine, saltarelli, valzer e polche raccontando i suoni, le danze, i colori e le lingue del nostro Stivale che balla e che ‘sona.

Carlo Amori violino e voce
Stefano Montaldo viola e violino
Massimiliano Aquilino chitarra, chitarra battente, lira calabrese
Romana Barbui organetto

LO STIVALE CHE BALLA
Michele Cavenago e Romana Barbui da anni si occupano di documentazione e studio dei contesti del ballo tradizionale in Italia. L’Associazione Culturale Lo Stivale che Balla è nata con l’obiettivo di promuovere, diffondere e valorizzare la danza popolare, fondamentale mezzo
• per creare relazioni tra le persone e tra le persone e l’ambiente in cui vivono
• per accrescere il senso di ben-essere e di appartenenza
• per trasmettere i semi più importanti della nostra cultura e per avvicinare e conoscere culture (a volte solo geograficamente) distanti da noi.
Partecipiamo regolarmente in qualità di insegnanti di danze tradizionali italiane a corsi e festival che si tengono in regione e non; il nostro percorso di ricerca, documentazione e studio della danza tradizionale italiana nei suoi contesti, ci ha consentito in questi anni di lavorare ad una serie di pubblicazioni video o a pubblicazioni scritte